il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

TONON CACCI DA CONFINDUSTRIA I MARCHESI DEL GRILLO

Partecipate pubbliche, partecipate regionali, consorzi industriali, cordate per rigassificatori, grande opere, cda del mondo bancario, camere di commercio e loro derivate; Aussa Corno, Cipaf, Finest, Frie, Mediocredito, Friulia, Confidi. Sono molti degli industriali presenti ad ogni tavolo vip e buoni per ogni maggioranza regionale fra i responsabili del degrado della classe istituzionale del Friuli Venezia Giulia. Mai un coraggioso altolà alle tante operazioni sbagliate della politica regionale in materia di sanità, industria, turismo o ambiente. Mai un esposto a fronte delle varie"osservazioni" dismesse le loro vesti istituzionali. Adorano chiamarsi reciprocamente "presidente" ; di qualcosa lo sono quasi tutti. Ma quale è il contributo di questa fortunata categoria per il bene comune della Regione? Solo ed esclusivamente legittimi interessi privati; qualche volta anche non legittimi. Di quanti contributi regionali hanno usufruito e continuano ad usufruire magari grazie al voto di uno di loro nel cda giusto? A macchia di olio piazzati dalle maggioranze politiche regionali, che mai potranno permettersi di criticare, nei vari consigli di amministrazione di enti pubblici. Oggi sappiamo che i politici indagati dovrebbero fare un passo indietro e quelli condannati avrebbero l'obbligo di stare fuori dagli incarichi istituzionali. Ma vale la stessa cosa per gli imprenditori? Quanti potenti imprenditori, pur responsabili di reati di vario genere, da quello ambientale all'evasione fiscale, dal finanziamento illecito fino alla frode sono ancora seduti nelle poltrone di comando private e pubbliche? facile verificarlo. Ora sia Matteo Tonon (vedi foto) a passare dal rinnovamento delle parole al rinnovamento dei fatti.