**
  • Home > Gossip > LA RIFORMA SANITARIA REGIONALE NELL'ERA GUARNERI
  • stampa articolo

    LA RIFORMA SANITARIA REGIONALE NELL'ERA GUARNERI

    27g

    Salvatore Guarneri (vedi foto), classe 1962, inizia la sua carriera nel 1994 come vice direttore sanitario dell'Ospedale Santa Maria degli Angeli di Pordenone, dove nel 2004 ne diventa direttore. Nel 2007 il salto dal pubblico al privato e per quattro anni ricopre la guida sanitaria alla Casa di Cura Città di Udine. In questo periodo, nel 2009, viene chiamato dal presidente Gabriele Renzulli, alla direzione generale della Asp La Quiete dove tutt'ora è in carica. Sarà durante la sua gestione che verrà ricoverata Eluana Englaro, portando la casa di riposo udinese alla ribalta nazionale. Interrotto il rapporto lavorativo con la Casa di Cura Città di Udine, Salvatore Guarneri viene chiamato a guidare la direzione sanitaria del Sanatorio Triestino spa e assume la presidenza della Eutonia Sanità e Salute Srl, meglio noto come Centro riabilitativo Eutonia, per cui nel 2013 firma un protocollo di intesa con l'azienda per i servizi sanitari N.1 Triestina. Diventa quindi presidente regionale dell'Aiop, Associazione Italiana Ospedalità Privata e contemporaneamente presidente del collegio dei revisori dei conti di Federsanità Anci Fvg, alla cui guida siede da anni Pino Napoli. Il 30 marzo 2014, dopo una lunga gestione di Silvano Stefanutti, il capo gabinetto di Debora Serracchiani, Agostino Maio, suo vecchio amico fin dai tempi in cui , prima di andare in Regione, sedeva nei banchi del consiglio comunale di Udine, comunica a Salvatore Guarneri che la governatrice lo ha voluto nominare presidente della Fondazione Villa Russiz. Pochi mesi dopo, il 14 maggio 2014, il sanatorio triestino garantirà visite mediche gratuite ai bambini poveri della Fondazione Villa Russiz. L'accordo che appare con gran visibilità sulla stampa, appare come una mediazione fra la presidente del Sanatorio Triestino, Bruna Giamperlati Catalani e il presidente della Fondazione Villa Russiz Salvatore Guarneri, ma nessuno fa notare che Guarneri è anche il direttore sanitario del sanatorio triestino. In questi anni, il rapporto politico - amministrativo, la stima e l'amicizia, fra Agostino Maio (che vanta nel suo curriculum depositato all'Università una grande quantità di master ed esprienze nel settore gestionale medico) e Salvatore Guarneri accresce sempre di più, fino a diventare entrambi, assieme a Gabriele Renzulli, il vero cerchio magico di Debora Serracchiani nella nuova riforma della sanità regionale del Friuli Venezia Giulia. Fra pochi mesi scadranno i vari direttori generali delle Aziende per i Servizi sanitari (Ass) e a gennaio del 2015 verranno nominati i nuovi vertici, eccetto due commissari pro tempore per Udine e Trieste. Al momento in Regione sono pervenuti circa 195 curriculum, ma sarà una commissione di tre "saggi", un dirigente regionale e due tecnici esterni, a individuare gli idonei. Fra questi, Debora Serracchiani, individuerà i prescelti. Una storia, questa della sanità regionale di nomi che si ripetono, di rapporti politici, di presunte incompatibilità, di capi senza ruoli ufficiali, di vecchie inchieste, di accreditamenti, di posti letto, di singolari coincidenze. Una storia che da oggi, con il vostro aiuto (se avete materiale utile scriveteci in casella postale Udine Centro numero 30 oppure via mail a ilperbenista@libero.it), Il Perbenista cercherà di scoprire e raccontare nei minimi dettagli.

  • Commenti

  • Un medico revisore del conto di Federsanità FVG Anci? Commento inviato il 13-09-2014 alle 18:10 da Secutor
  • Un'incompatibilità mi pare evidente di GUARNERI: quella di direttore generale della "Quiete" (struttura pubblica) e quella di direttore sanitario del Sanatorio triestino s.p.a. (struttura privata). Evidentemente in Regione nessuno se n'è accorto. Vedendo il curriculum ha frequentato centinaia di corsi e convegni, sottraendo evidentemente la presenza dalla Quiete (tanto anche se non è presente tutto va avanti lo stesso). Anche i numerosi incarichi sottraggono tempo al suo lavoro pubblico profumatamente retribuito (almeno 120.000-150.000 euro annui lordi). Commento inviato il 12-09-2014 alle 16:25 da topo di biblioteca

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ