il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

CASO SANTORO: CARTA CANTA E VILLAN DORME

Diversi mesi dopo aver assunto l'incarico di assessore regionale ai lavori pubblici e alla pianificazione territoriale, l'arch. Mariagrazia Santoro (vedi foto) ha continuato a partecipare a gare per la redazione di varianti ai piani regolatori, sui quali gli uffici regionali posti alle sue dipendenze svolgono funzioni. L'attenzione ricade in particolar modo a seguito del bando di gara a procedura aperta del 10 ottobre 2013 per l'affidamento dell'incarico di redazione di tre varianti ai P.R.G.C. di Tarvisio, Pontebbe e Malborghetto-Valbruna, attinenti la reiterazione dei vincoli preordinati all'esproprio, poichè:

1) è pervenuta in data 10 ottobre 2013, con nr protocollo 17655, al protocollo dell'Ente (Comune di Tarvisio) anche l'offerta della costituendaATP tra arch. Paola Cingalotto (capogruppo), arch. Mariagrazia Santoro (mandante), dott. Luca Di Giusto (mandante);

2) nell'allegato Modello A all'offerta citata, che consiste nell'istanza di ammissione alla gara, l'arch. Mariagrazia Santoro (assessore regionale alla pianificazione) dichiara e sottoscrive di essere mandante con quota di partecipazione del 40% del raggruppamento temporaneo non ancora costituito;

3) nell'allegato Modello B alla citata offerta, ovvero nella dichiarazione in ordine alla sussistenza dei requisiti di idoneità professionale e di ordine generale, l'architetto ed assessore regionale Mariagrazia Santoro in data 24 ottobre 2013 non fa alcun riferimento al suo status di assessore regionale alla pianificazione territoriale ed unbarnistica, da cui si potrebbe intravedere un conflitto di interessi.