**
  • Home > Documenti > ECCO A CHI DEBORA HA AFFIDATO LA RIFORMA SANITARIA FVG
  • stampa articolo

    ECCO A CHI DEBORA HA AFFIDATO LA RIFORMA SANITARIA FVG

    ri

    L'attuale riforma della sanità, in consiglio regionale come fra gli addetti ai lavori, prende il nome da uno dei suoi padri: il presidente della commissione sanità della Regione Fvg, Franco Rotelli, 72 anni (vedi foto). Uomo di spicco del partito democratico triestino e consigliere regionale, il passato dell'uomo a cui Ettore Rosato e Debora Serracchiani hanno affidato la salute degli abitanti del Friuli Venezia Giulia è piuttosto inquietante. Ex direttore dell'Azienda sanitaria di Trieste, Franco Rotelli, tra il 2005 ed il 2007 aveva continuato ad emettere rimborsi al Centro di medicina dello sport nonostante questa struttura privata non fosse più in regola - dal punto di vista formale - con l'accreditamento presso il Servizio sanitario pubblico. Una condanna dell'ottobre 2010 a risarcire all'Ass1 con 488mila euro per danni erariali derivanti dalla mancanza di un regolare accreditamento e dall'assenza delle necessarie autorizzazioni in capo al Centro di medicina dello Sport di Trieste. Da indagini era emerso che tra il gennaio del 2000 e l'ottobre 2008 il Centro di medicina dello Sport aveva emesso a carico della sanità pubblica fatture per quasi un milione 800mila euro: fatture che erano state regolarmente onorate. Ma era emerso anche che l'unica convenzione tra il Centro e l'Ass era scaduta il 31 dicembre 1999. Rotelli, che era stato direttore dal 1998 al 2001, era a conoscenza nel periodo tra il 6 marzo e il 5 marzo 2010 - della convenzione poi scaduta. Anzi, secondo i giudici, nonostante ciò avrebbe facilitato o pagamenti e i rimborsi rendendoli addirittura automatici. Il secondo procedimento riguardava spese indebite dell'Ass medesima a titolo di rimborso di oneri di missione e per retribuzione lorde corrisposte ad alcuni dipendenti comandati, come si ricorda nella sentenza di secondo grado. In primo grado, il 18 aprile 2012, la Sezione giurisdizionale della Corte aveva condannato Rotelli a risarcire un danno erariale di 60mila euro più 849 euro per spese di giustizia. Rotelli ha però impugnato anche qui la sentenza, ha chiesto la definizione agevolata e ha ottenuto di estinguere il processo contabile in appello versando quanto richiesto dalla Corte.

  • Commenti

  • Spiacente ottima riforma. Bravi andate avanti e Commento inviato il 04-09-2014 alle 22:18 da Anonimo
  • ma no è una matta Commento inviato il 04-09-2014 alle 15:54 da il sintetico
  • ma chi è l'anonimo che per ogni articolo scritto è ad osannare la Seracchiani...... non sarà mica lei stessa??? preoccupante Commento inviato il 04-09-2014 alle 11:18 da il merovingio
  • scritta e pensata in qualche osteria ? La riforma. Roba da matt Commento inviato il 04-09-2014 alle 09:22 da Zorro
  • Suppper-Debbbora !!! Una ne pensa....cento ne fa !! Maaaa...qualcuna di buona...mai..?? Commento inviato il 03-09-2014 alle 21:20 da Anonimo
  • Se la ce by ha affidato la riforma a questo dottore vuol dire che è bravo punto e basta. Se la debby ha nominato maio e maio ha nomiato il precipuo geometra che conosce il territorio vuol dire che è per il bene dei friulani. Basta parlare male della debby che questo blog lo leggo o anche fuori dal friuli perché la debby è la vice di renzi e avrebbe potuto di entare una ministra ma voi la state distruggendo. Lei è brava, bella e buona e vuole salvare i friulani. Commento inviato il 03-09-2014 alle 21:15 da Anonimo
  • spero che Debby tenga un comportamento coerente e ora lo inviti a dimettersi Commento inviato il 03-09-2014 alle 21:00 da Anonimo
  • Una riforma che accontenta solo la lobby dei baroni universitari. In una regione di poco più di un milione di abitanti due facoltà mediche! Pazzesco. Si abbia il coraggio e il buon senso di fare una facoltà su due sedi. Questo sarebbe risparmio. L'ospedale di Udine non ha mai assorbito il colpo della fusione con l'univesità, i problemi non sono ancora risolti ed ora l'ospedale dovrebbe gestire anche il territorio???...sarà la mazzata finale! Non parliamo poi dei confini delle nuove aziende...ridicoli. Solo chi non conosce il territorio regionale poteva concepirli. La descrizione delle funzioni degli ospedali contrasta con il decreto Balduzzi e con il decreto leg 502, quindi su questo punto è prevedibile una bocciatura della legge regionale a Roma. D'altronde non c'è da meravigliarsi di una legge che nasce con il commissariamento degli ospedali sede di facoltà medica per non conoscenza delle norme nazionali al momento di elaborazione del testo normativo. Ora i medici e più in genere il comparto della sanità è contrario a questo pappocchio senza logica....ne vedremo delle belle. Commento inviato il 03-09-2014 alle 20:55 da Nessuno
  • condanna per.. ora Serracchiani che dice? forse due pesi e due misure? Commento inviato il 03-09-2014 alle 19:40 da Anonimo
  • Ahhhh....peroooooooo'!!! Complimenti... Ora si capisce perché sono tutti contro questa riforma. Da ultimi, ieri, i medici tutti.. Commento inviato il 03-09-2014 alle 18:03 da Dago
  • che c'è di strano, visti i precedenti, chi meglio di lui? e comunque sempre nella logica 'largo ai giovani' !!! Commento inviato il 03-09-2014 alle 17:51 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ