**
  • Home > Documenti > REGIONE FVG:SERI DUBBI SULL'AGENZIA INTERINALE TALEA
  • stampa articolo

    REGIONE FVG:SERI DUBBI SULL'AGENZIA INTERINALE TALEA

    27E

    Dopo le inchieste sulle assunzioni degli interinali in Regione Fvg ed in particolar modo sulla chiamata dell'assessore di San Giorgio di Nogaro, Davide Bonetto, tutti vicini al Pd, adesso sembra arrivare una grana alla madre di tutto: l'agenzia interinale che ha vinto l'appalto della Regione Fvg, Talea srl.

    A chiedere spiegazioni con un'interrogazione estremamente dettagliata è il consigliere regionale di Forza Italia Rodolfo Ziberna:

    "Premesse le interrogazioni presentate dal sottoscritto negli scorsi mesi di gennaio e giugno alle quali la Giunta si è ben guardata di dare risposta, recanti "Somministrazione del personale all'Amministrazione regionale a rischio dopo la gara triennale", "Somministrazione del personale sanitario regionale a rischio dopo la gara biennale" e "Sui dipendenti interinali della Regione", riferite alla gara triennale2014/2016 per la somministrazione di personale a tempo determinato all'Amministrazione regionale per una base di importo di sei milioni di euro e una gara fornitura di personale in somministrazione lavoro temporaneo presso le aziende sanitarie e gli ospedali della Regione Fvg, sia per figure amministrative che sanitarie, per la durata di 24 mesi ed un costo di circa cinque milioni e mezzo di euro

    CONSIDERATO che sarebbero state riscontrate le seguenti preoccupanti anomalie (e forse per questa ragione non sono stati trasmessi i documenti al sottoscritto):

    A) Nei cedolini paga la ditta Talea srl effettuerebbe le  seguenti trattenute, che appaiono indebite: trattenuta per commissioni bancarie (nell'ordine di un euro al mese), trattenuta per fondo di garanzia (dai 10 ai 15 euro al mese). A questo proposito la ditta Talea sosterrebbe che ai sensi dell'art.2 l.297/82 e s.m.i. - norma istitutiva per l'appunto del fondo di garanzia - in prima battuta loro sono tenuti ad effettuare una trattenuta direttamente sui somministrati, ai quali si provvederà eventualmente allo stormo a fine missione. In realtà pare invece assodato che il fondo di garanzia è alimentato in via esclusiva da tutti i datori di lavoro. Logico corollario sarebbe che la trattenuta ai somministrati operata da Talea sarebbe illegittima. 

    B) La ditta Talea non aderirebbe a Ebitemp, ente bilaterale a sostegno dei diritti dei lavoratori somministrati. Infatti sul sito internet di Ebitemp tra le numerosissime Agenzie di somministrazione di lavoro ad esso associate, non compare la ditta Talea. Concretamente la mancata adesione comporta che, qualora un somministrato con Talea decidesse di ricorrere a cure dentistiche, non potrà verosimilmente avanzare ad Ebitemp richiesta di rimborso, a fronte della mancata adesione di Talea. In concreto le ricadute sulle condizioni di lavoro, retributive e di agibilità sindacale dei circa 160 lavoratori somministrati interessati riguardano il mancato versamento della quota del 0,2% all'ente bilaterale Ebitemp 8con il venir meno di varie tutele di tipo sanitario e integrativo) e altri vuoti sui permessi sindacali, sul riconoscimento della malattia e sull'applicazione appunto della clausola sociale prevista in caso di cambio appalto.

    C) La ditta Talea non aderirebbe nè riconoscerebbe validità al CCNL 27/2/2014 (per le agenzie di somministrazione di lavoro); in particolare non applicherebbe la c.d. clausola sociale di cui all'art. 31 del cit. CCNL la quale dispone quanto segue: "Nel caso di cessazione di appalti pubblici nei quali l'Ente appaltante proceda ad una nuova aggiudicazione ad Apl anche diversa dalla precedente, l'Apl è tenuta a garantire il mantenimento in organico di tutti i lavoratori già utilizzati in precedenza, compatibilmente con i numeri richiesti dal bando e per tutta la durata dello stesso. La durata dei contratti di lavoro sarà pari a quella definita contrattualmente con l'ente appaltante. Tale previsione si estende ai settori privati qualora disciplinati dal CCNL dell'utilizzatore. L'Apl entro 30 giorni dalla scadenza dell'appalto, informa le OO.SS. nazionali o territoriali stipulanti il presente CCNL rispetto all'applicazione della clausola sociale a seconda dell'ambito di riferimento". Gli effetti della mancata applicazione di tale clausola sociale si manifesta nella evidente perdita di diritti da parte dei lavoratori  somministrati in forza con l'impresa aggiudicataria precedente. Ad oggi non si conosce il numero dei dipendenti interinali che non sono transitati nella nuova amministrazione.

    VISTA che nelle citate mie interrogazioni avevo denunciato che alla luce dell'esiguità delle offerte ed il rischio, concreto ed attuale, e la corresponsabilità in solido dell'Ente in caso di mancanze da parte dell'Agenzia di somministrazione, così come prevede l'art. 23 comma 3 del Dlgs 276/2003 e successive modifiche, secondo il quale "L'utilizzatore è obbligato in solido con il somministratore a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi e i contributi previdenziali" e all'art. 21 secondo il quale "l'assunzione da parte dell'utilizzatore, in caso di inadempimento del somministratore, dell'obbligo del pagamento diretto al lavoratore del trattamento economico nonchè del versamento dei contributi previdenziali, fatto salvo il diritto di rivalsa verso il somministratore".

    RILEVATA la gravità della situazione che potrebbe verificarsi se venisse meno all'improvviso l'apporto delle centinaia di dipendenti a tempo determinato, generando la paralisi di interi settori dell'Amministrazione con danni per i cittadini e per il territorio;

    AGGIUNTO che la società che ha vinto la gara è relazionata con altra società che, avendo partecipato e vinto provvisoriamente altra gara regionale, è risultata poi non dotata dei richiesti requisiti per gravi motivi;

    APPRESO che le organizzazioni sindacali hanno reiteratamente chiesto un incontro urgente con la Regione e la Società, ma invano, come se si trattasse di un problema di scarso interesse;

    APPRESO che la Società avrebbe declassato diversi dipendenti, abbassando chi era in categoria D in C e chi era in C in B, attribuendo però ai dipendenti le medesime mansioni di prima, appartennti a categoria superiore.

    TUTTO CIO' PREMESSO INTERROGA la Presidente della Regione Debora Serracchiani e l'assessore competente per sapere :

    1 - se corrisponda il vero che ai dipendenti interinali vengano applicate le trattenute citate in premessa e se così fosse se le ritengano legittime e corrette;

    2 - come l'Amministrazione regionale intende tutelare se stessa dal punto di vista giuridico ed economico alla luce delle disposizioni citate di cui all'art. 23 comma 3 del Dlgs. 276/2003;

    3 - come intende l'Amministrazione regionale verificare la corretta corresponsione delle retribuzioni, ma soprattutto delle contribuzioni riconosciute ai lavoratori;

    4 - se corrisponda al vero che diversi dipendenti siano stati declassati pur mantenendo le medesime mansioni di livello superiore;

    5 - per quali motivi la Regione Fvg ha ritenuto di non incontrare le Organizzazioni sindacali che su questi argomenti avevano chiesto un incontro urgente;

    6 - quanti interinali con "anzianità di servizio" sono rimasti a casa superati da nuovi lavoratori in violazione della clausola sociale introdotta dall'accordo nazionale di fine anno scorso, norma che prevede che l'Agenzia subentrante assuma tutti i lavoratori già utilizzati in precedenza, compatibilmente con i limiti del bando".

  • Commenti

  • Mi ricordo ancora il mio slogan delle regionali del 1993 con l'msidn.... "contro i mangiapane a tradimento vota Marzio Giau nemico dei raccomandati"..... non ho ancora cambiato idea! Commento inviato il 26-08-2014 alle 12:58 da il logorroico
  • i raccomandati nel centrosx democristiano sono la prassi.... i raccomandati del centrodx sono la causa principale della sconfitta della politica del centrodestra.... io sono più incazzato con i raccomandati che con chi li raccomanda. Commento inviato il 26-08-2014 alle 12:56 da il logorroico
  • in effettio i raccomandati della trascorsa legislatura non sono stati assunti da agenzie interinali. Sono stati assunti direttamente. Commento inviato il 25-08-2014 alle 20:29 da Anonimo
  • Solo in pochi hanno dubbi..... Speriamo non la magistratura!!!!! Commento inviato il 25-08-2014 alle 09:18 da anonimo
  • Evvaiiii Rodolfo!!!!!!!! Recidi questa Talea! Parole circa il comportamento della petulante capitolina sono sprecate. Solo incalzandola come te e il Perbenista la si riesce a demolire...basta insistere. Prima o dopo dovrà smettere di fare spallucce, sorisetti e telefonino. Commento inviato il 24-08-2014 alle 23:55 da lupopaziente

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ