il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

CENTRODESTRA 2015: CAMBIARE PER LIBERARE CIVIDALE

L'immagine dei manifesti (vedi foto) che verranno a affissi a Cividale dal prossimo settembre è chiara e non lascia dubbi di interpretazione, come pure lo slogan: "Nel 2015 libera Cividale da Riccardi e Blasoni". Sarà proprio Cividale, la terra dei Longobardi, il campo di battaglia per il vero ricambio della classe dirigente regionale del centrodestra. Grazie alla vecchia logica dei pacchetti di tessere, ancora viva in politici come Riccardo Riccardi e Massimo Blasoni, che fanno politica attiva da oltre trenta anni, il sindaco di Cividale, Stefano Balloch, è una pedina politica totalmente in mano loro. E' noto che il principale detentore di voti è il consigliere regionale cividalese Roberto Novelli, ma il suo status di "Blasoniano di ferro", riconduce comunque il partito al duo Riccardi - Blasoni. Prova del fatto ne è che quando Balloch iniziò, per brevissimo tempo a criticare la nomina della coordinatrice regionale, il capogruppo in consiglio regionale di Forza Italia, Riccardo Riccardi, non esitò a dire che alle amministrative 2015 Balloch non avrebbe avuto il sostegno della sua corrente. La Lega Nord, oggi vero partito in forza del centrodestra, viene considerata erroneamente una forza a seguito. Ecco la ragione per cui il prossimo anno, dovrà essere in campo una nuova formazione politica di centrodestra, alternativa alla classe dirigente che attualmente sostiene il sindaco Stefano Balloch. Dovranno poi essere gli statisti regionali di Forza Italia a decidere se accettare il cambiamento o se lasciare la guida di Cividale al Pd o al M5S.