il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

PANONTIN FACCIA ANCHE ALTRE DOMANDE AD INSIEL

Toccato sul vivo da una fuga di mail personali, l'assessore regionale Paolo Panontin, con delega anche al coordinamento di Insiel, ha immediatamente predisposto una verifica generale. Ha convocato, così, gli stati maggiori di Insiel, che sovrintendono al sistema informatico della posta regionale, per sapere come può essere possibile che qualcuno riesca ad entrare nei sistemi e a violare la privacy postale. Ottima iniziativa, se non fosse che Il Perbenista il 27 marzo aveva pubblicato un post dal titolo "Spy entra in Turismo Fvg" dove si chiedeva conto alla Regione Fvg di una fattura di 3mila euro emessa da Turismo Fvg a favore della Spy srl a fronte di una misteriosa  "consulenza informatica". Era l'autunno del 2012 quando direttore generale di Turismo Fvg, Edi Sommariva, direttore amministrativo Michele Bregant (successivamente nominato dalla giunta Serracchiani Direttore Generale), Turismo Fvg liquidava una fattura di 3mila euro alla Spy srl. Come mai i vertici di Turismo Fvg non si erano rivolti ad Insiel cui compete la gestione dei sistemi informativi della Regione Fvg e dei suoi enti funzionali. ma si erano rivolti ad una società esterna privata? Perchè non vi è traccia del decreto di affidamento della consulenza e dei suoi effettivi contenuti sul sito istituzionale a dispetto delle tante decantate norme sulla trasparenza ed accessibilità? Il Perbenista ha quindi più volte chiesto all'amministrazione regionale senza mai aver avuto risposta alcuna in cosa fosse consistita la consulenza in sicurezza informatica. Certamente non nel controllo delle caselle postali dei dipendenti o nel controllo dei computer dei dipendenti ci auguriamo. E quindi? Ricerca di cimici? Basta infatti vedere l'oggetto sociale della Spy srl per capire che la società è specializzata in spionaggio e controspionaggio industriale, installazione di cimici e "bonifiche". Tutte queste domande alla luce del fatto che i vertici di Turismo Fvg non potevano non conoscere l'esistenza delle delibere della giunta regionale con cui sono stati approvati gli accordi che regolano i rapporti tra Regione Fvg e Insiel spa (che è di fatto un suo braccio operativo).