il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

IL TEOREMA DI IACOP (PD): DELINQUERE ASSIEME E' LECITO

"Io parlo da Presidente, da persona che ha preso un impegno, che ha chiesto un impegno che è stato sottoscritto (qualora un consigliere regionale del Pd dovesse essere raggiunto da un avviso di garanzia si dovrà dimettere) e che vorrei evidentemente che venisse portato fino in fondo qualora si presentino le condizioni per fare un passo indietro. E' un richiamo alle forze politiche alla responsabilità e all'onestà e su questa posizione non voglio assolutamente arretrare. E' un momento difficile e complicato per il nostro Paese e per la nostra Regione ma credo che questi valori siano valori non negoziabili". Debora Serracchiani settembre 2013

Ieri è arrivata la sentenza d'appello della prima sezione giurisdizionale centrale della Corte dei Conti, presieduta da Martino Colella, che ha condannato l'ex presidente della giunta regionale Riccardo Illy e gli ex assessori Moretton, Antonucci, Beltrame, Bertossi, Cosolini, Pecol Cominotto, Sonego, Iacop e Marsilio. Inoltre dovranno rimborsare alla Regione Fvg la somma di 700mila euro. Riccardi Illy, si è immediatamente dimesso dalla presidenza della commissione paritetica.

"Profondo rammarico" per le dimissioni di Riccardo Illy dalla Commissione paritetica Stato - Regione, in seguito alla condanna in secondo grado della Corte dei Conti per la vicenda della vendita di edifici pubblici, viene espressa dalla presidente del Fvg Debora Serracchiani. "Le dimissioni del presidente Illy - afferma Serracchiani in una nota - rappresentano di fatto una perdita per la Commissione, considerato il grande contributo in autorevolezza, concretezza ed equilibrio dell'ex presidente del Friuli Venezia Giulia: un'autorevolezza riconosciuta trasversalmente da molte forze politiche. Non si può che prendere atto della coerenza istituzionale di Illy - conclude - e rispettarne la decisione". Ansa 12 aprile 2014

L'impegno assunto dal sottoscritto rispetto agli elettori e al partito riguardava l'eventuale contestazione di responsabilità penali dirette e personali. Il caso di specie riguarda invece una responsabilità collettiva quale membro di un organo collegiale come la giunta regionale in carica dal 2003 al 2008 e presieduta da Riccardo Illy. Ritengo quindi di essere assolutamente coerente nel respingere le affermazioni del Movimento 5 Stelle". E' la risposta del presidente del consiglio regionale Franco Iacop alla richiesta di dimissioni avanzata dal M5S. - Ansa, 12 aprile 2014

Va ricordato che al momento del voto in giunta ciascun assessore esprime personalmente un singolo voto espressione del proprio libero arbitrio. Non risulta esistere pertanto una responsabiltà collettiva sotto il profilo della volontà.