**
  • Home > Gossip > CONFINDUSTRIA IN MANO ALLA TAGLIATRICE DI TESTE GRIMALDI
  • stampa articolo

    CONFINDUSTRIA IN MANO ALLA TAGLIATRICE DI TESTE GRIMALDI

    20D

    Fra poche settimane sarà on line un nuovo sito Top-Flop, dedicato interamente al mondo delle imprese e delle categorie conomiche della nostra regione. Ma nel frattempo, non potevamo certo esimerci dal dare spazio ad una lettera firmata da alcuni "residenti a dimora Torriani". Si domandano cosa stia succedendo nel "palazzo del potere del presidente Matteo Tonon", del suo vice Michele Bortolussi e della Cristina Papparotto "uscita dalla porta e fatta rientrare dalla finestra". Pur riconoscendo i mezzi economici e le capacità di Michele Bortolussi, nella stessa lettera ci si domanda "quale azienda possieda questo signore per sedere al posto di vice presidente vicario, considerato che in occasione della nomina di Bono a presidente di Confindustria regionale, contestò la sua scelta...perchè non proveniva dal mondo imprenditoriale". All'origine di questa lettera, parrebbe esserci la percezione che "gli abitanti" di ogni ordine e grado di palazzo Torriani, vivano e lavorino in un clima di poca serenità, per il pieno, e forse eccessivo, potere dato alla nuova responsabile di fatto del personale e del rapporto con i sindacati: la dott.ssa Grimaldi , già dipendente dell'Ass. Piccole Industrie e poi dimessasi. Se i sindacalisti la ritraggono come "la tagliatrice di teste" una ragione ci sarà. Bocche ermeticamente cucite e sguardi sfuggenti da parte del personale interno, ma qualcuno si lascia sfuggire qualche parola, qualche mezza ammissione...sempre con la premessa..."io non ti ho detto niente"..."io con te non ho mai parlato". A quanto pare la Grimaldi ha già iniziato il suo lavoro; i licenziamenti sono cominciati, si dice che le lettere siano già state recapitate ad alcuni dei destinatari e si vocifera che l'elenco potrebbe essere lungo , almeno una decina di nominativi; ovviamente senza distinzione di anzianità di servizio, sesso, età, grado e meriti lavorativi. All'interno dei piani alti, un autorevole membro vicino al presidente Tonon, conferma i tagli, ma insiste per chiamarli "piano di ristrutturazione". Ma, il Presidente Matteo Tonon, in tutto questo, che ruolo ha? Possibile che non abbia nulla da dichiarare o spiegare? E il direttore generale Lugnani? In questo contesto, dicono i piani alti di Palazzo Torriani, non conta assolutamente nulla e non ne vuole sapere. E gli imprenditori storici, quelli "veri" (che fra un mese elencheremo uno ad uno) che ancora contano nel mondo economico friulano, sono al corrente di quanto stia succedendo alla "loro" associazione? Una cosa è certa, dice un altro anomimo "big" del cerchio magico di Tonon: è finita la pacchia in cui si assumevano i parenti degli imprenditori  che nemmeno la loro azienda li voleva e sono pure finiti i tempi delle raccomandazioni. Ma intanto, di quelli che oggi ci sono, a parte tagliare i super minimi, che ne sarà di loro?

  • Commenti

  • interessante la "lettera dei residenti" , forse però la black list annovera proprio chi, di variegato livello, sesso e anzianità, ha usato la copertura del palazzo per fare i propri comodi.....in tal caso, ben venga l'opera dell'inquisitore....alla buon'ora Commento inviato il 02-04-2014 alle 10:26 da anonimo
  • Ma come, non ci sono i sindacati a difesa? Commento inviato il 31-03-2014 alle 16:41 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ