**
  • Home > Gossip > MISSIONE AZERBAIJAN: CIMITERO, PRANZI, CONCERTO E CENE
  • stampa articolo

    MISSIONE AZERBAIJAN: CIMITERO, PRANZI, CONCERTO E CENE

    42S

    In questi giorni è scoppiata una forte polemica in merito alla missione in Azerbaijan guidata dalla governatrice del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani. Mentre gli imprenditori sono volati in classe economica assieme al presidente della Cciaa di Pordenone Giuseppe Pavan e al presidente di Finest Mauro Del Savio, il rettore di Udine Felice De Toni, il presidente di Confindustria Udine Matteo Tonon, il presidente della Cciaa di Udine Giovanni Da Pozzo e la governatrice Debora Serracchiani, hanno volato in business pagando il doppio. Ma, in queste ore, è emersa un'altra notizia ancora più scandalosa, tenendo conto i costi che la collettività ha dovuto sostenere per questa missione di due notti a Baku. Forse, sarebbe più corretto parlare, come ha affermato un imprenditore deluso, di una vera e propria gita. Qui di seguito, per iniziare, vi riportiamo letteralmente il comunicato istituzionale congiunto apparso sul sito della Regione Fvg con relativa foto, in cui appaiono assieme al presidente dell'Azerbaijan, Ilham Aliyev, solo Debora Serracchiani e Giovanni Da Pozzo ( nessuna traccia del resto della delegazione regionale): "Incontri approfonditi ed interessantiche riteniamo potranno avere ottimi sviluppi - ha dichiarato Debora Serracchiani. L'Azerbaijan è particolarmente interessata agli scambi con Italia e Friuli Venezia Giulia nel campo delle costruzioni, della cantieristica navale, dei prodotti alimentari, della salute, dell'innovazione e della ricerca. In agricoltura - ha proseguito la Serracchiani - abbiamo riscontrato una notevole conoscenza sulle barbatelle prodotte a Rauscedo. Sono stati circa un'ottantina gli incontri B2B che le nove imprese regionali presenti in missione hanno realizzato a Baku. In Azerbaijan - ha commentato a seuire Da Pozzo - c'è anche la possibilità di realizzare importanti investimenti nei settori delle infrastrutture e degli impianti nel campo dell'Oil & Gas". Ecco, invece, come sono andati realmente i fatti nelle 48 ore Azere: All'arrivo la delegazione regionale del Fvg è andata direttamente a cena in albergo con gli ambasciatori e poi a riposare stanca per il viaggio. Il giorno seguente, ed unico trascorso a Baku, la mattina ha compiuto un lungo giro commemorativo al cimitero di guerra; successivamente c'è stata la colazione; a seguire un incontro all'agenzia della cooperazione ed un momento conviviale presso l'Università dove hanno assistito al concerto della musicista friulana Luisa Sello. Al termine la delegazione è tornata in albergo a dormire, per ripartire la mattina successiva. Ci domandiamo allora, fra cimitero, concerto ed aperitivi quando e come le nostre istituzioni in 24 ore abbiano potuto compiere qualcosa di utile al sistema imprenditoriale del Friuli Venezia Giulia.

  • Commenti

  • E vi meravigliate? Intanto al Friuli chi ci pensa? Chi dirige le danze? Qualcuno? Ah, non lo sapete? Ah, siete sorpresi? Non ve lo aspettavate? Pensavate di aver votato il cambiamento? Ora siete deluuuuuuusi... Cantiamo! "Senza fine, tu trascini la nostra vita, senza un attimo di respiro, per sognare, per potere ricordare" Commento inviato il 23-03-2014 alle 11:54 da ore di gambiâ
  • e poi ci meravigliamo degli scontrini del parrucchiere e della pizza.... Commento inviato il 22-03-2014 alle 09:51 da PIERO
  • Che schifo tutti quanti Commento inviato il 21-03-2014 alle 21:42 da Ole
  • Politica estera? Interessante davvero. Da quelle parti la gente non parla inglese e non lo capisce. Come si potrà comunicare? Valentino Roiatti Commento inviato il 21-03-2014 alle 21:37 da Valentino Roiatti
  • Pagando il doppio...meglio dire che la Regione ha pagato il doppio... Commento inviato il 21-03-2014 alle 20:59 da Anonimo
  • e per il made in Friuli di Gianni Bravo; gite all over the world Commento inviato il 21-03-2014 alle 19:13 da anonimo
  • Non so se devo ridere, piangere o urlare di rabbia. "E io pago" diceva Totò. Non riesco a capire tutte queste "missioni" e le loro finalità. A beneficio di chi? Oltre alla licenza di viaggiare, bere e mangiare a nostre spese, che licenza gli dovremo ancora dare? Di uccidere? Lo stanno già facendo con questo sperpero di denaro pubbico. Quale sarà la prossima "Mission impossible" di da Pozzo. Ne ha fatti di viaggi anostre spese. Non ha bisogno di un portaborse? Sono sicuro che ne troverebbe molti di disponibili. Ma un giorno non molto lontano, visto l'andazzo dell'economia, finirà anche questo. Ed allora ne vedremo delle belle. Commento inviato il 21-03-2014 alle 17:44 da GG
  • Semplicemente una gita di piacere come tutte quelle che vedono protagonisti cariche istituzionali. Oggi mi ospiti tu domani ti ospito io.Mi ricorda quando Craxi andò in cina e noleggiò un 747 per i numerosissimi cortigiani. Commento inviato il 21-03-2014 alle 15:44 da Anonimo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ