il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

TAVAGNACCO: UNA PERICOLOSA PENTOLA A PRESSIONE

Entro il 14 aprile i giochi a Tavagnacco dovranno essere fatti; al momento è ancora buio sui prossimi candidati sindaci ma mentre nel centrosinistra è lotta aperta fra due big, a centrodestra come al solito manca ancora il nome. Difficile immaginare diversamente, quando alla guida provinciale di Forza Italia, è stato riconfermato Ferruccio Anzit, perennemente in riunione e mai disponibile a rispondere al telefono per paura di "domande difficili". Pallino allora in mano al commercialista Giovanni Cucci, marito della presidente dell'ente Fiera Luisa De Marco. I responsabili regionali del cavaliere insistono sulla probabilità di una candidatura dell'ex sindaco di Muzzana che proprio in concomitanza delle prossime amministrative dovrebbe terminare il mandato alla guida della Fiera. Cucci, difende a spada tratta la consorte, affermando che in Forza Italia non sanno quello che dicono e bocciando al tempo stesso l'ipotesi di una candidatura di Franco Degano, consigliere comunale vicino a Riccardo Riccardi e da trentanni all'opposizione. Più semplice il quadro in casa Pd. Secondo il presidente del partito, Salvatore Spitaleri,  se non si dovesse giungere a breve tempo ad una soluzione, potrebbero essere convocate le primarie per optare fra il vice sindaco Gianluca Maiarelli e l'assessore Moreno Lirutti. Il primo, Pd doc, ex area Cuperlo, legato per anni al senatore Carlo Pegorer, si è successivamente convertito all'area dei renziani, diventano uomo di Roberto Vicario e Sergio Bolzonello. Lirutti, appartenente alla civica Intesa, fa riferimento al sindaco uscente Mario Pezzetta e nutre ottimi rapporti con Franco Iacop e Giorgio Baiutti. Ma la partita di Tavagnacco risulta essere decisiva per molti aspetti, oltre che per il rinnovo del municipio: a breve scadrà anche la presidenza regionale Anci di Pezzetta e le riconferme in Ente Fiera sono ancora tutt'altro che scontate.