il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

DUE CAGASOTTO GUIDANO L'OPPOSIZIONE ALLA SERRACCHIANI

Non occorre essere dei politologi o degli statisti per capire che dal giorno della vittoria di Debora Serracchiani, è sparita completamente la "politica" da questa Regione. Il Pd, primo partito, e forza principale di governo dopo la "navigata" segreteria di Renzo Travanut si è affidato ad una sconosciuta Antonella Grim, assessore comunale di un fiappo Roberto Cosolini. Ma questo non è stato casuale, bensì voluto da quella stessa Debora Serracchiani che ha preferito non avere nessun sottosegretario friulano con cui condividere la visibilità romana. Drammatica, la situazione dentro Forza Italia: appare più che evidente la mancanza di un vero leader, dotato di quel carisma indispensabile per guidare un "esercito" di amministratori di centrodestra. I fatti parlano chiaro: l'opposizione è guidata da due "cagasotto" che pur di non mettere a repentaglio la propria posizione personale preferiscono "guardare altrove" e tacere. Non si è mai vista, infatti, un'opposizione che da un anno a questa parte non è mai intervenuta a gamba tesa sulle tante scelte amministrative discutibili compiute dalla giunta regionale. Nemmeno una parola sulle assunzioni, sulle nomine, sull'inefficienza di talune direzioni, sul piano sanità o sulle nuove strategie a firma Del Fabbro & Castagna. Massimo Blasoni gioca tutta la sua politica in operazioni di visibilità personale su mass media nazionali di proprietà della famiglia Berlusconi. Evita il confronto in loco con la iper visibile Debora Serracchiani temendo che la governatrice gli rinfacci la sua recente esclusione da capolista alle scorse politiche. Riccardo Riccardi, da deus ex machina delle infrastrutture ormai sembra più appassionato alla caccia e pesca; da quando Debora Serracchiani e gli Autovie's Man hanno ipotizzato un suo allontanamento da Autovie Venete, il capogruppo di Forza Italia sembra aver scelto la "strada" dell'opposizione silenziosa. Fino a quando chioccia Savino sarà in grado di proteggere l'inefficienza politica dei suoi due vice coordinatori?