il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
LUNEDI' 10 FEBBRAIO ORE 19 IL CIRCOLO "F.T.MARINETTI - ROTTA FUTURA" SARA' A CIVIDALE AL CAFFE' SAN MARCO

MEDIOCREDITO: REVISORE PIU' VENALE DEL PRESIDENTE

Prima della nomina di Cristiana Compagno a presidente di Mediocredito, faceva la voce dura del centrodestra. Nominata da Renzo Tondo su indicazione del compaesano Daniele Galasso ai vertici dei revisori dei conti di Mediocredito nel 2011, Micaela Sette urlava ai quattro venti i profili di incompatibilità dell'ex rettrice. Poi, fiutata l'aria, si è allineata e persino l'aumento di stipendio concesso alla Compagno è passato in silenzio fra i revisori dei conti. Certo, perchè la prima a non poter parlare sarebbe proprio stata l'ex sindaco di Latisana, attuale membro del direttivo provinciale di Forza Italia. Nel 2011, difatti, il compenso del presidente dei revisori dei conti, aumentò notevolmente rispetto al mandato precedente, tanto da essere portato a 60mila euro, ben quattro volte più del parigrado di Friulia, Ettore Romoli. Ma come fu possibile? Parrebbe che terminato il mandato da primo cittadino a Latisana, la Sette avesse preteso un posto in consiglio regionale o meglio ancora in giunta. Così l'unico modo per tranquillizzarla fu la trovata di Galasso di farle avere un bel posto ma con uno stipendio tale non rimpiangere la busta paga da sindaco.