il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
REPORT SUL CASO MASCHERINE FARLOCCHE FVG

FORZA ITALIA: IL PATTO DEI "TRE LEADER IKEA"

La prima qualità che dovrebbe possedere chi si impegna in politica è percepire le necessità e lo stato d'animo dei propri elettori; cosa, questa, che in Forza Italia non accade per nulla. L'arrogante convinzione che un partito possa essere quasi di proprietà di un manipolo di "azionisti" sopravvissuti alla scissione con il Ncd ha dell'incredibile. Ancora peggio è il viaggio ad Arcore e dintorni per accreditarsi ed auoreferenziarsi. Ecco allora che un deputato nominato, Sandra Savino, un capogruppo in consiglio regionale eletto solo sucessivamente alla scissione dal Ncd, Riccardo Riccardi, ed un imprenditore in contatto diretto con Denis Verdini, Massimo Blasoni, si trasformano nel coordinamento regionale di Forza Italia. Il primo atto che salda il loro legame è la cooptazione dei rispettivi portaborse nel gruppo regionale. Il secondo è la spartizione dei sogni: Blasoni futuro deputato, Savino futura senatrice e Riccardi prossimo candidato alla presidenza della Regione Fvg. Poi, la nomina a loro personalissimo gradimento dei responsabili provinciali. Nessun incontro pubblico se non quello dell'Arca di Noè organizzato da Franco Mattiussi nel proprio ristorante di Aquileia: "I Patriarchi".  A sigillare l'ufficialità di questa mini classe dirigente con Berlusconi, una sconosciuta terza fila: Vittorio Covella. Ma come reagiranno i "tre leader Ikea" quando sorgeranno i primi club di Forza Italia indipendenti da loro? Come reagiranno quando si alzeranno le prime voci di dissenso? Cosa faranno quando gli iscritti proporranno assemblee democratiche e votazioni per le candidature? Il Movimento 5 Stelle non deve fare altro che attendere...