il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

FI:INDAGATO PER SPESE DEI GRUPPI,NUOVO CAPO SEGRETERIA

Solo pochi mesi fa, Pdl e Pd, decisero di non ricandidare i consiglieri regionali che erano rimasti coinvolti nella "sprecopoli" dei gruppi regionali in Friuli Venezia Giulia. Non voleva essere solo una scelta di carattere giustizialista ma anche etica. Probabilmente il solito comportamento politico volto a prendere in giro la buona fede degli elettori. Fra i vari consiglieri regionali del Pdl finiti nella maxi inchiesta del procuratore Maurizio Zappatori, vi era anche il triestino Piero Tononi, all'epoca vice segretario provinciale del partito (segretario provinciale era Sandra Savino). Per l'esattezza, Piero Tononi è stato rinviato a giudizio e chiamato a rispondere per spese che ammontano a 31.020,32 euro. Fra le spese pazze dell'ex consigliere regionale la Procura regionale contabile ha individuato "consumazioni varie presso bar, ristoranti, pizzerie, birrerie, acquisti in negozi di ferramenta, in negozi di articoli per la casa, in supermercati e pagamenti a favore di un'associazione". Oggi l'ex segretario provinciale del Pdl triestino, Sandra Savino, eletta deputato, è divenuta la coordinatrice regionale di Forza Italia. Il suo ex vice segretario, Piero Tononi, dal 1° febbraio diventerà il nuovo capo segreteria del gruppo regionale di Forza Italia. Ma secondo quale ragionamento una persona che non viene ricandidata per un possibile uso spregiudicato dei fondi regionali, viene nominato  a capo proprio della segreteria del gruppo regionale? Sarebbe come far scontare a Silvio Berlusconi i servizi sociali nella segreteria di un collegio femminile...