il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

GORIZIA: LA SAVINO NO CAPISI E PENSA A NICOLI

Trascorso quasi un mese dall'urgente nomina della coordinatrice regionale di Forza Italia, Sandra Savino, e da quella dell'area udinese Massimo Blasoni, il coordinamento regionale è ancora mezzo monco a causa dell'assenza dei nomi per Pordenone e Gorizia. Doveva essere questione di giorni, invece, l'unico nome che la Savino riceve a conquistare è quello del suo successore nella giunta Tondo, l'ex leghista Indira Fabbro da Buja. A Gorizia la situazione è più che mai complessa, vista l'amicizia che lega il sindaco Ettore Romoli con il consigliere regionale Rodolfo Ziberna. I due, difatti, sarebbero d'accordo ad indicare il nome di Romoli, ma la Savino non ci vuole sentire. Secondo i triestini, indatti, Romoli sarebbe troppo amico di Saro. In subordine potrebbe emergere il nome dell'assessore comunale Marilena Francioso, ma anche lei sarebbe troppo legata a Romoli. Il capogruppo in pectore di Forza Italia in consiglio regionale, Riccardo Riccardi, vedrebbe di buon occhio il sindaco di Grado Edoardo Maricchio, noto per essere andato a Cividale ad una cena organizzata da Balloch e Romoli contro la casta Blasoni - Riccardi, poco dopo aver promesso solenne fedeltà via telefono allo stesso Riccardi. La Savino, in realtà, "no capisi" che far, così si affida ai saggi consigli di Giulio Camber che senza esitazione gli avrebbe indicato un nome nuovo in grado di rilanciare Forza Italia: Giuseppe Nicoli. Ma chi è Giuseppe Nicoli? Coordinatore del Pdl Monfalconese, promotore del fallimentare referendum sul porta a porta; consigliere di opposizione al Comune di Monfalcone; capogruppo in consiglio comunale a Monfalcone; consigliere di opposizione alla Provincia di Gorizia; membro del direttivo provinciale del Pdl; presidente del consorzio Ditenave; consigliere provinciale di Forza Italia.