il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

ECCO LA LETTERA ORIGINALE CHE "INCASTRA RICCARDI"

In Politica in qualsiasi paese civile del mondo non viene perdonato chi mente. Sarebbe bello che anche in questa regione accadesse lo stesso. Oggi su un quotidiano locale, un dirigente regionale di cui si virgolettano le parole, ma si sta ben attenti a tenerne celato il nome afferma che "Non esiste alcun problema circa la voce secondo cui Riccardo Riccardi non avrebbe presentato regolamentare domanda di aspettativa allla società autostradale, tale da mettere in discussione la regolarità della posizione politica attualmente ricoperta. Al termine dell'articolo è addirittura lo stesso dirigente regionale di Autovie Venete, oggi consigliere regionale ad affermare testualmente " Dal momento che non ho mai interrotto la mia aspettativa la questione non si pone". Bugia! Riccardi ha ottenuto un'aspettativa limitato al periodo che avrebbe ricoperto l'incarico tecnico di assessore regionale nella giunta Tondo. Poi scaduta quella aspettativa, dal 21 aprile 2013 non ha più formulato domande e dal testo dell'unica aspettativa ottenuta in passato risilta evidente che oggi è scoperto. Ecco in esclusiva il testo originale ed integrale della CONCESSIONE DI ASPETTATIVA del 2008 firmata dall'on.Giorgio Santuz e dall'attuale presidente di Friulia Pietro Del Fabbro.

29 APRILE 2008

A:  DOTT. RICCARDO RICCARDI

OGGETTO: CONCESSIONE ASPETTATIVA PER CARICA PUBBLICA

Facendo seguito alla Sua richiesta di pari data per la fruizione di un periodo di aspettativa ai fini di pubbliche funzioni, ai sensi della L.R. 29 luglio 2004, N°21, Le comunichiamo che il rapporto di lavoro intercorrente tra le ns. recisproche parti sarà sospeso, in casodi nomina ad ASSESSORE REGIONALE a decorrere dalla data del 29 aprile 2008 e per tutta LA DURATA DEL SUO MANDATO.  Siamo a ricordale che per la durata della Sua aspettativa ella non maturerà alcun istituto di carattere economico e normativo anche con riferimento alla retribuzione diretta e indiretta.

PRES. Giorgio Santuz

AMM. DEL. Pietro Del Fabbro