**
  • Home > Gossip > LA GELMINI BENEDICE SAVINO E RICCARDI; BLASONI IGNARO
  • stampa articolo

    LA GELMINI BENEDICE SAVINO E RICCARDI; BLASONI IGNARO

    36S

    La notizia gira via sms fra un cellulare ed un altro del centrodestra; la neo coordinatrice della Lombardia di Forza Italia, Mariastella Gelmini, sabato 11 gennaio sarà a Buia ospite della neo coordinatrice regionale del Friuli Venezia Giulia Sandra Savino e del capogruppo in consiglio regionale Riccardo Ricardi; si parlerà di scuola privata e pubblica. A firmare l'invito è il sindaco di Buia Stefano Bergagna; a promuovere l'iniziativa l'ex assessore della giunta Tondo, Indira Fabbro, colei che per qualche mese ha preso il posto della Savino nell'esecutivo di centrdestra. Massimo Blasoni, papabile vice coordinatore regionale di Forza Italia, interpellato telefonicamente, è all'oscuro dell'iniziativa...

  • Commenti

    12
  • E' vero i soldi sono stati disimpegnati : in primis erano asseganti tuuti a peogetti degli amichetti che non hanno saputo fare rendicontazione e se non spendi, o meglio non paghi fatture di beni e servizi entro in certo tempo ( ammesso che queste siano reali e verificabili)il danaro viene restituito. Il progetto ALISTO ( italia Slovenia) che fine ha fatto? e Health? e dire che nel 2014 la sanità è europea: questi non sapevano nemmeno le regole dei finanaziamenti pubblici sanitari della Slovenia. Viva gli amichetti! che fanno perdere soldi alla regione, ma gli amichetti sono gli amichetti....Una massa di sprovveduti.... Commento inviato il 05-01-2014 alle 11:56 da pluto
  • alle Relazioni internazionali c'erano delle principesse e dei principini che hanno valutato i progetti comunitari come disposto dal capo, è arrivato il ricorso dell'Università di Trieste che ha denunciato le illegittimità delle valutazioni quindi il capo è corso ai ripari facendo finanziare il progetto dell'Università escluso dai valutatori e tutti visserro felici e contenti Commento inviato il 05-01-2014 alle 10:46 da Sandra
  • Diamo a Cesare quel che è di Cesare, sui fondi europei la Fabbro non c'entra nulla. Lei in due mesi ha fatto in tempo a capire dove si trovavano gli uffici regionali.... La sua nomina è legata alla fidelizzazione di ambienti industriali all'imminenza della campagna elettorale. Un etichetta sulla porta dell'ufficio e basta. Per quanto riguarda i fondi regionali la Giunta Tondo era messa male ma purtroppo nulla è cambiato con la Serracchiani, anzi è stata distrutto quel minimo di struttura tecnica che esisteva in regione. Ora c'è il deserto! chi sono i referenti dentro la regione deputati a gestire i fondi 2014-2020? Il programma è già partito, sloveni, ungheresi, bavaresi, tutti si stanno muovendo. La regione della Serracchiani vaga nella nebbia più fitta. Commento inviato il 05-01-2014 alle 09:27 da il Marchese
  • Mancava solo il beneplacito di questa oca ignorante. La ciliegina sulla torta. Commento inviato il 05-01-2014 alle 00:35 da totonno
  • no, solo una la PO Commento inviato il 05-01-2014 alle 00:04 da Anonimo
  • Basta attaccare le due assessori alle finanze della Giunta Tondo, da nove mesi Serracchiani ha nominato responsabile alle finanze l'ex Rettore Peroni e quindi è lui il vero responsabile della perdita dei fondi comunitari che la Regione non ha saputo gestire Commento inviato il 04-01-2014 alle 23:19 da Anonimo
  • Sarebbe bello sentir chi governa, la Presidente Serracchiani su cosa ha fatto per evitare la restituzione di milioni di fondi comunitari che son tornati a Bruxelles a fine 2013 Commento inviato il 04-01-2014 alle 23:07 da Max
  • Sandra Savino e Indira Fabbro perchè non organizzate una conferenza stampa, magari a Buia, per raccontare alla gente comune le cause che hanno portato al disimpegno di decine e decine di milioni di fondi comunitari FESR e del programma Italia Slovenia 2007 2013 Commento inviato il 04-01-2014 alle 23:03 da Anonimo
  • Indira Fabbro si chiede come, quando e a chi vengono dati i fondi comunitari. Evidentemente dobbiamo spiegare noi all'ex assessore alle finanze della Giunta Tondo che l'Unione Europea assegna i fondi ogni sette anni e la gestione fallimentare è stata 2007 - 2013 Commento inviato il 04-01-2014 alle 21:59 da Beppo
  • Cara signora Fabbro, sarà pure rimasta solo due mesi assessore regionale alle finanze ma evidentemente non è al corrente che i fondi comunitari erano già assegnati ma, causa la gestione fallimentare della Regione, a dicembre 2013 decine di milioni sono ritornati a Bruxelles per disimpegno automatico e in questo periodo sarebbero stati molto utili per la nostra già povera economia Commento inviato il 04-01-2014 alle 16:49 da Anonimo
  • dal Bel Paese delle Relazioni Internazionali non una ma due principesse si sono recate a Bruxelles, non contente dell'indennità mensile di 4.000 euro hanno ora chiesto la PO rimanendo entrambi a Bruxelles e l'hanno ottenuta, 15.000 euro l'anno è meglio di nulla ma un nuovo incarico sta bene da aggiungere nel curriculum. Entrambi sono state premiate dalla precedente Giunta e ri-ripremiate dall'attuale .... sono proprio fortunate Commento inviato il 04-01-2014 alle 16:40 da Anonimo
  • la sQuola della gelmini? è in un TUNNEL. questa non è stata in grado di finire la scuola pubblica, bleah Commento inviato il 04-01-2014 alle 14:50 da cassie
  • C'e' un tunnel anche a Buja? Commento inviato il 04-01-2014 alle 14:43 da Neutrini
  • C'era una principessa che lavorava nel Paese delle Relazioni Internazionali". Era l'unica che si sapeva tante cose di aiuti di stato. Un bel giorno l'argomento cominciò ad interessare molto l'ex re della ex direzione centrale relazioni internazionali. Tutto questo la portò in un altro Paese...precisamente a Bruxelles. La principessa era molto felice lassù. L'ex re ed anche altri principi andavano sempre a trovarla. Purtroppo, come in tutte le storie, la principessa cominciò ad essere triste e sconsolata, perché quello che aveva non le bastava più. Il re a quel punto si chiese: "Cosa posso fare per renderla nuovamente felice? Alla mia principessa ho già dato tanto". "Idea", disse il re : "Le darò una PO!". Nessuno a Bruxelles ce l'ha mai avuta (visto le indennità). E così fece anche se chi ce l'aveva, prima di partire per il bel Paese, ha dovuto abbandonare la PO nel proprio vecchio "castello". Ora la principessa finalmente è felice. Tale era la sua gioia che la principessa non riuscì a parlare mai con nessuno di questo nuovo incarico. La principessa continua a vivere a Bruxelles per circa 10 giorni al mese (all'incirca 4.000 euro mensili d'indennità), ha una PO (all'incirca 10.000 euro annui) oltre al suo stipendio, e il resto del mese viaggia per la sua amata Regione FVG e per l'Italia in cerca di un nuovo re ... Commento inviato il 04-01-2014 alle 00:03 da Anonimo
  • Ma gli scattisti De Anna e Marini come l'hanno presa? Sarà contento Tononi che forse resterà a carico di noi tutti visto che non ha nient'altro da fare . Che schifezze Commento inviato il 03-01-2014 alle 23:25 da el triestin

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ