il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

CHIAMAMI PERONI, SARO' LA TUA BIRRA: SCELTE OPINABILI

Il professor Francesco Peroni, già Rettore dell'Università di Trieste, nominato assessore regionale nella giunta Serracchiani, per la sua intergrità morale e competenza, non dimostra avere grande acume nella scelta dei collaboratori di cui si attornia e a cui spiana la carriera a tutta birra! Basti pensare alla recente esperienza all'Università. Uno dei suoi ultimi atti è stato nominare Presidente del Nucleo di Valutazione ( ruolo attribuito a persona di valore, eticamente corretta), Angela Stefania Bergantino, professore dell'Ateneo barese, diventata famosa nel capoluogo pugliese per la sua rapida carriera universitaria. La professoressa Bergantino è entrata nel mondo accademico successivamente al matrimonio con l'anziano prof. Ernesto Longobardi, noto barone già preside del Dipartimento, dove è arrivata la moglie ( della vicenda se ne è occupata ampiamente la Stampa locale - Gazzetta del Mezzogiorno -  in merito alla "parentopoli accademica"). Ben presto la professoressa ha intrecciato forti legami con Trieste ed è stata nominata presidente del nucleo di valutazione dell'Università convocando a piacimento le sedute e quindi venendo in città a spese dello Stato. Basti pensare che il precedente nucleo si riuniva 6-8 volte l'anno ( così come accade nelle altre realtà Universitarie: Udine 9 in tutto l'anno), a Trieste il nucleo si è già insediato 18 volte . Ogni missione costa circa 700 euro, per non parlare, del costo degli altrimembri esterni, molti provenienti da Roma, Bologna, etc. Il nucleo infatti, contrariamente a quanto succede in altre realtà è composto da molti membri, tutti regolarmente retribuiti. Quest'anno i costi sono esplosi per riunioni di due ore massimo e scarsi risultati. In Ateneo si parla di riduzione del Personale a tempo determinato (già due persone sono state mandate a casa dopo anni di servizio) e ci si domanda se non sia opportuno ridurre le spese, magari convocando anche telematicamente questi incontri ( ogni incontro grava sul bilancio per almeno 5000 euro, a luglio i costi erano già di 53mila euro; quanti tempi determinati potrebbero lavorare?). Intanto nei corridoi dell'ateneo gira la voce che ci sia qualche nuovo incarico o consulenza in arrivo in Regione per la professoressa.

Direttore amministrativo dell'Università di Trieste per lunghi anni e uomo di fiducia del professor Francesco Peroni il dott. Antonio Di Guardo è stato voluto dall'ex rettore a capo della segreteria tecnica (vedi sito Regione Fvg) del suo importante assessorato regionale. Anche questa scelta ha suscitato più di qualche perplessità, poichè il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha penalizzato più volte l'ateneo giuliano. Durante la gestione amministrativa del duo Peroni - Di Guardo è calato di ben 4 milioni di euro il Fondo di Finanziamento Ordinario (Ffo) destinato all'Università triestina, mentre le assunzioni hanno continuato a restare bloccate perchè, nonostante tutte le azioni messe in campo, l'Ateneo ha sforato il rapporto del 90% fra Ffo e spese stipendiali per il personale.

Gazzetta del Mezzogiorno - Economia Bari, insieme moglie e marito - Luca Barile 16 aprile 2011

Bari- Parentele eccellenti ad Economia. Da ieri in facoltà c'è un nuovo professore ordinario, che arriva al massimo livello della docenza accademica, pur lavorando nello stesso dipartimento di suo marito. Un semplice passaggio dal ruolo di associato a quello superiore, per la professoressa Angela Stefania Bergantino, che già prestava servizio come docente di Economia applicata, ma che ripropone la questione dell'effettiva utilità del codice etico dell'Ateneo. Ieri il consiglio della facoltà di Economia barese ha chiamato due nuovi associati e altrettanti ordinari, tra cui la professoressa Bergantino, risultata idonea a ricoprire il ruolo di ordinario dopo aver superato un concorso pubblico bandito nel 2008 dall'Università di Palermo. Un ateneo bandisce il posto e un altro può chiamare il vincitore: è un meccanismo normale nei concorsi universitari. Al momento della votazione in aula però, ha dovuto allontanarsi il marito della Bergantino, Ernesto Longobardi, ex preside di Economia, ordinario di Scienza delle finanze della stessa facoltà e nello stesso dipartimento della consorte. Nessuno, durante la discussione ha sollevato la questione dell'eventuale incompatibilità perchè effettivamente il codice etico dell'università, approvato nel 2007 proprio per cercare di combattere la parentopoli accademica, non impedisce ai due coniugi di lavorare insieme...(continua)