il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
PARENTOPOLI IN MARILENGHE AL TEATRI STABIL FURLAN

TONDO E ROMOLI CRITICANO IL "TRIO BLUFF"

Raggiunto telefonicamente al cellulare, Renzo Tondo, risponde cortesemente ad alcune domande del Perbenista. L'ex governatore conferma, quanto riferitoci poco prima dal sindaco di Gorizia Ettore Romoli: attualmente il trio che lavora per far fuori dalla guida del partito Gottardo e Dressi ed impossessarsi del Pdl regionale è composto da Massimo Blasoni, Sandra Savino e Riccardo Riccardi. Tondo, fa difficoltà a nascondere, causa il timbro di voce la delusione per il comportamento di Sandra Savino, che proprio grazie a lui è stata prima assessore regionale alle finanze e poi capolista alla Camera al posto di Blasoni. Ma ad abbandonarlo, non è stato solo il suo braccio destro, Sandra Savino ma anche il suo braccio sinistro, Riccardo Riccardi. Ma da buon carnico e freddo campione di dama, Renzo Tondo, non si scompone. E' convinto che chi muove per primo la pedina venga mangiato. Non ha ben chiaro quello che accadrà di Berlusconi, del Pdl e della nuova Forza Italia. Solo al termine della telefonata, riusciamo a strappargli, suo malgrado, un paio di laconiche dichiarazioni: "Blasoni pensa di essere nel partito delle tessere e Riccardi si è attaccato a Blasoni perchè è convinto che a Roma conti qualcosa, tanto da convincere la Savino ad unirsi a loro". Ancora più fredde e ciniche le poche parole di Ettore Romoli: " Riccardi conta molto poco; l'unico ad avere agganci è Blasoni grazie al suo rapporto con Denis Verdini. Comunque tanto la Savino che Blasoni cono interessati solo ad andare a Roma, della guida del partito poco li importa".