il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
CLICCA SUL BANNER IN BASSO DI VIDEOTELEBLOG

FONDAZIONE AQUILEIA: UN DIRETTORE PER DUE POMERIGGI

Come recita la stessa home page del sito internet della Fondazione Aquileia, "Il percorso che ha portato alla Fondazione per la valorizzazione del sito di Aquileia è iniziato con l'approvazione della legge regionale 18/2006 che ha previsto un soggetto giuridico partecipato dal Ministero per i beni culturali, dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dal Comune di Aquileia, dalla Provincia di Udine e dall'Aridiocesi di Gorizia. L'accordo preliminare Stato - Regione ha delineato la Fondazione come strumento per predisporre piani strategici, favorire lo sviluppo del turismo culturale, cofinanziare interventi, gestire indirettamente l'attività di valorizzazione, realizzare interventi di ricerca, conservazione e restauro dei beni concessi in uso". La Fondazione ha come presidente il sindaco di Aquileia Scarel e nel consiglio di aministrazione Arnaldo Becci, Luigi Malnati, Pietro Fontanini e Gianni Zonin; presidente del collegio sindacale il dott. Giorgio Spazzapan affiancato da Gessi Degrassi e Antonio Menetto. Un comitato scientifico ed un comitato di vigilanza con nomi illustri. Lo statuto della Fondazione attribuisce grande potere e responsabilità alla figura del direttore che deve possedere una serie di requisiti che ne delineano la alta professionalità nel settore artistico culturale. Come può, alla luce di quanto detto, Gianni Fratte, svolgere a tempo pieno il ruolo di Posizione Organizzativa del servizio lavoro della Provincia di Udine e fare anche con il dovuto impegno e senso civico il direttore di una Fondazione così impegnativa? Da quanto ci è stato riferito da membri del cda della Fondazione Aquileia, Gianni Fratte garantisce la sua presenza presso la Fondazione solamente due mezze giornate alla settimana, ossia il martedì ed il giovedì dalle 15.30 alle 18.30. Il suo stipendio è pari a circa 30mila euro annui. Sei ora per dirigere la storia e la cultura del Friuli.