**
  • Home > Interviste > DA POZZO PORTA IN DOTE PANICCIA ALLA SERRACCHIANI
  • stampa articolo

    DA POZZO PORTA IN DOTE PANICCIA ALLA SERRACCHIANI

    3P

    C'è un solo amore che non cambia mai ed è quello per la squadra di calcio del cuore. Tutto il resto nella vita è destinato a mutare a seconda dagli eventi e dall'ambiente circostante. Fino a pochissimi anni fa un certo settore del mondo economico friulano veniva dato per anti comunista. Molti di quanti oggi guidano le varie categorie economiche hanno militato nel corso della prima repubblica nella democrazia cristiana o nel partito socialista, ottenendo lusinghieri riconoscimenti dai politici di turno. Alcuni anni fa Snaidero, approdato successivamente alla guida della Fiulia, fu persino presidente di una fondazione piena zeppa di ricconi berlusconiani. E che dire dell'enorme corte del mondo delle costruzioni e del ferro, prima vicina a Collino, poi a Dressi e infine a Riccardi? Non esisteva commerciante o imprenditore del settore turistico che non manifestasse simpatia per la bionda Seganti e a Trieste imperava il motto: non si muove foglia senza che Camber voglia. Roberto Antonione, Ferruccio Saro, Giorgio Santuz, Emilio Terpin, Giovanni Da Pozzo, Massimo Paniccia, Michelangelo Agrusti, Lionello Agostini; tutti uomini potentissimi, tutti uomini facoltosi, tutti uomini "moderati". Pian piano le cose, però sono cambiate, e quello che era il percorso disegnato da Saro ed Antonione, ossia di una marcia di avvicinamento verso Debora Serracchiani, si è lentamente compiuto. Oggi, si dice che il presidente della Camera di Commercio di Udine, Giovanni Da Pozzo, un tempo legatissimo al senatore Giulio Camber, faccia ormai parte del cerchio magico della Governatrice Serracchiani e che in questi ultimi giorni sia riuscito a portare con se, nella corte di Debora, anche un altro storico fedelissimo di Camber: Massimo Paniccia. Negli ambienti di Confindustria, questa notizia stupisce poco, dato che divenuto ormai un uomo forte di Trieste, fra Acegas e Fondazione Crt ( da non tralasciare neppure Mediocredito), al potente Paniccia è molto più utile andare a colazione con Cosolini e la Serracchiani, che non con Di Piazza e Tondo. Gli attacchi al presidente della Solari arrivano anche dal gruppo consigliare regionale del Pdl, dove qualcuno ben ricorda la bandiera del Pdl, esposta fuori dal proprio balcone di casa in occasione del recente comizio di Silvio Berlusconi in Piazza San Giacomo. Mancano poche settimane alla nomina dei nuovi cda di Friulia, Finest, Turismo Fvg, Informest, Strade Fvg e forse Autovie Venete...ne accadranno ancora delle belle e Massimo Paniccia lo sa bene.

    (CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRE ULTERIORMENTE L'IMMAGINE)

  • Commenti

  • da gran ciambellano provetto con Bertossi a titolare effettivo con la Serrachiani. Tondo oramai è archeologia ....e non si sa mai che scappi un assessorato alla famiglia di Gemona e / o propri accoliti dopo le dimissioni vere del dottor Cainero Commento inviato il 19-08-2013 alle 12:27 da gigetto
  • Altro che portafoglio in mano. Tutti questi "moderati" il taccuino lo tengono ben custodito sotto il grembiule! Commento inviato il 18-08-2013 alle 21:28 da totonno
  • Caro Montanaro, tra 5 anni auspicherai la cacciata della Serracchia a calci in culo. Non ho la sfera di cristallo ma conosco i miei polli. Commento inviato il 18-08-2013 alle 10:23 da Anonimo
  • Di qua o di la sempre comunque con il cappello in mano...e nell'altra mano, ben stretto, il proprio portafoglio. Commento inviato il 18-08-2013 alle 07:46 da jacum
  • c'è chi lavora e chi pensa come cambiar casacca e poter tirare a campare. Questo è il kapo clan della sommatoria delle varie prebende come diceva il buon Tondo quando doveva sopportare le insistenze per riavvicinarlo dopo Bertossi. E' passato Illy, Bertossi Enrico o meglio Enrico, Renzo e ora la Debora. Sono sempre LORO o Lui il giorno dopo a rivendicare, combinare promettere e affidare incarichi, a partecipare a CdA dal mediocredito, al Confidi per sostenere con i mezzi la campagna dei commercianti,e tanti viaggetti con i copagni di merende. A proposito che c'entra l'auto con l'autista per portarlo a Udine e controllare o amministrare la ccia ente di natura quasi pubblica? Debora diamo una vangata a questo metodo della filiazione del giorno dopo? Non vedi che ci hanno portati nel baratro tranne le loro aziende .....Mandi benedets fruts che pagherete i danni che hanno .....e provocano tutt'ora. Acasa a pedate nel culo. Debora prendi tutti a vangate ed evita il malefico "podere". BUON LAVORO A TE Commento inviato il 17-08-2013 alle 17:48 da il montanaro

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ