il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
DUBBI SUI CONTROLLI DEL DIRETTORE DI DISTRETTO UDINESE CANCIANI

SHAURLI E MARTINES GUIDERANNO IL PD REGIONALE

Andiamo per ordine e non tralasciamo nessun passaggio. Ovviamente le fonti, seppur facilmente identificabili, ci chiedono di non essere citate se non perchè strettamente necessario. L'attuale segretario regionale del Pd, Renzo Travanut, da noi interpellato, ci ha garantito che non intende in nessun modo prendere neppure in considerazione l'ipotesi di un suo secondo mandato alla guida del partito. La maggior parte dei parlamentari del Pd del Friuli Venezia Giulia ritiene che il prossimo segretario regionale del partito debba avere un rapporto molto stretto con il territorio, vivere il consiglio regionale e essere presente quotidianamente dove richiesto. Risulta evidente che il futuro segretario non sarà nessuno dei parlamentari eletti, ma un consigliere regionale. Punto numero due: immediatamente dopo la vittoria di Debora Serracchiani, nel partito si decise che i quattro consiglieri regionali friulani che sarebbero stati eletti anche in caso di una vittoria del centro destra avrebbero comunque avuto dei ruoli chiave nelle istituzioni; i quattro erano Cristiano Shaurli, Vincenzo Martines, Vittorino Boem e Franco Iacop. E così avvenne. Punto tre: i consiglieri regionali del Pd rivendicano quasi tutti una loro autonomia rispetto alle correntone romane. Ciò detto, il consigliere regionale ritenuto dalla maggioranza del partito più idoneo a svolgere il ruolo di segretario regionale è Cristiano Shaurli, che ovviamente in caso di nomina dovrebbe lasciare l'incarico di capogruppo. Ecco allora che in questa eventualità si ritornerebbe con il ragionamento al punto due e il ruolo di capogruppo potrebbe razionalmente ed autorevolmente passare a Vincenzo Martines che libererebbe una presidenza di commissione a favore di un altro collega ancora in attesa di gratificazione.