**
  • Home > Gossip > SACCAVINI NUOVO CAPO UFFICIO STAMPA OSPEDALE
  • stampa articolo

    SACCAVINI NUOVO CAPO UFFICIO STAMPA OSPEDALE

    3S

    Fino al 2008 responsabile dell'ufficio stampa dell'Ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine era Mirella Campagnolo, responsabile anche del servizio Urp. Poi il direttore generale Carlo Favaretti decide di dare una svolta e migliorare la qualità del servizio così indice una gara pubblica a cui partecipano due pretendenti. A vincere la gara è la dott.ssa Elisabetta de Dominis, compagna di vita dell'allora consigliere regionale Uberto Drossi Fortuna. A rigore più di qualcuno si sarebbe atteso che a diventare capo ufficio stampa sarebbe stato l'unico dipendente con tesserino da giornalista Guido Gomirato, ma quest'ultimo si dice non interessato all'opportunità. Subito invidie e proteste travolgono la de Dominis accusata di ricevere un compenso troppo alto, circa 60mila euro annui. Lei si giustifica sostenendo esattamente il contrario: "gli ultimi mesi - racconta - sono stata tenuta ferma in un angolo, un vero mobbing e per quattro anni e mezzo ho lavorato in co.co.co. in uno stato di precarietà che oggi mi lascia in mezzo ad una strada". Delendi appena nominato direttore generale proroga il contratto della de Dominis di tre mesi ma fra qualche giorno, l'avventura in ospedale della nobile dalmata sarà giunta al capolinea. Al posto suo viene dato ormai per certo un altro "unico interno ad avere il tesserino di giornalista": Luigino Saccavini, in servizio presso l'organo d indirizzo e per lungo tempo collaboratore del presidente Gabriele Renzulli. Delendi, si dice, difende la scelta sostenendo che in questo modo ci sarà un forte risparmio, incaricando un interno. Qualcun altro fa però osservare che se Saccavini dovesse divenire dirigente lo stipendio automaticamente raddoppierebbe ed addio risparmio. In realtà, l'ex sindaco socialista di Martignacco, Delendi non ha nessun bisogno di un ufficio stampa, poichè ritiene che sia sufficiente aver dato il suo numero di cellulare a qualche giornalista delle principali testate. Ecco la ragione per cui a Saccavini per anni hanno dato l'incarico di inviare solo noiose newsletter interne all'Ospedale. Prima di abbandonare l'incarico di quasi cinque anni, la de Dominis si chiede per quale ragione esista un "capo ufficio stampa", se poi non è mai esistito nè un completo ufficio stampa nè altri dipendenti al servizio dell'ufficio.

  • Commenti

  • l'ufficio stampa dell'ospedale sta a pradamano sopra un supermercato Commento inviato il 21-06-2013 alle 20:21 da calogero
  • Si cara De Minis, tutto vero quel che scrivi, ma sei figa ecco il tuo guaio. Se fossi simile alla Rosi nazionale nessuno avrebbe avuto niente da dire. E' un po' la condanna di tutte le belle in carriera. Mai andare contro i luoghi comuni perché si perde. Commento inviato il 21-06-2013 alle 16:32 da Bruno Del Pozzo
  • Caro al di Codroipo, che non ha il coraggio di firmarsi, sìsono la compagna di Uberto Fortuna Drossi, ma non ho mai beneficiato di alcun incarico nei 12 anni e mezzo che ha lavorato a fianco di Illy. Ho fatto il concorso e l'ho vinto per la semplice ragione che sono laureata in giurisprudenza, sono una giornalista professionista, sono stata corrispondente de Il Giornale,ho fatto l'opinionista del QN, del Riformista, ho lavorato per Libero, Marie Claire, Traveller, Natural Style, guide dell'Espresso, ho diretto un semestrale di cultura e turismo, sono columnist di America Oggi e di La Voce di New York, ho scritto guide del FVG, ecc. ecc. Commento inviato il 21-06-2013 alle 08:58 da Elisabetta de Dominis
  • L'ospedale ha bisogno di medici ed infermieri e di nessun addetto stampa. Commento inviato il 20-06-2013 alle 09:51 da Anonimo
  • la solita storia... Tu assumi mia moglie ed io la tua, lui fa cosi' e l'altro cola'! Ma le DONNE non volevano le quote rosa per cambiare il sistema degli UOMINI? Ma queste figlie, compagne, fidanzate, mogli DI ! Non si vergognano di occupare posti pubblici solo perche' fanno parte di un sistema MARCIO? No eh! Beh ovvio, sara' una tradizione di famiglia che si tramandano...! Non ci rimane che continuare a chiamarle mogli di, figlie di, compagne di. E dimenticarsi i loro poveri nomi e cognomi. Il mondo in mano alle donne srebbe anche peggio! Visti i risultati attuali. Le olgettine in confronto sono ingenue. Commento inviato il 19-06-2013 alle 17:21 da al di codroipo

Responsabilit� dell'utente

Ogni opinione espressa dai lettori attraverso i commenti agli articoli � unicamente quella del suo autore, che si assume ogni responsabilit� civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere "Il Perbenista" manlevato ed indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato. Tutti i contributi testuali, video, audio fotografici da parte di ogni autore/navigatore sono da considerarsi a titolo gratuito.
Lascia un commento Sei Umano?

Scrivici a:

perbenista@gmail.com
PUBBLICITÀ