il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

SERRACCHIANI E LA TERZA CORSIA "ROMANA"

Si dice che come in tutti gli enti pubblici o con capitale pubblico, la presenza di talpe vicine alle varie componenti politiche sia notevole. Autovie Venete è da sempre il gioiellino della Regione Fvg e da sempre alla sua guida ci sono stati uomini forti del governatore che a loro volta hanno rapidamente dovuto stringere amicizia con i vari sottoposti dello stesso colore politico. Per l'amor di Dio nessuno si sogna, neppure lontanamente di asserire che in questi anni vi siano state assunzioni di favore ma certamente Autovie Venete può essere considerata una sorta di grande famiglia a corrente alternata. Da quando Debora Serracchiani è divenuta Governatrice della regione trattenendo per se le deleghe alle infrastrutture e il ruolo di commissario nei corridoi della sede di Palmanova è tutto un chiaccherio preoccupato; qualcuno si è messo perfino a lavorare. Una volta si incrociavano gli uomini di Riccardi con quelli di Piasente ma in apparenza si respirava sempre un'area tranquilla. Oggi ha preso piede l'idea che Debora Serracchiani è brava e potente; talmente brava e potente da potersi permettere di fare tutto da sola. Si dice che nei suoi periodici viaggi a Roma la governatrice non perda tempo a incontrare il Ministro Lupi, che Tondo e Riccardi considerano la loro ancora di salvezza. Debora Serracchiani incontra e parla direttamente con il premier Enrico Letta, suo amico e coetaneo. Qualcuno ha persino raccontato di una sua visita privata al Quirinale, da Giorgio Napolitano. Sono in molti a scommettere che dovrebbe già aver ottenuto la promessa di qualcosa di sostanzioso e solido dal governo nazionale a favore del completamento della A4.Ecco, allora, spiegato, il rallentamento all'interno del cda di Autovie che osserva incoriosito la governatrice all'opera. Debora Serracchiani si prepara a tornare da Roma da eroina, capace di salvare il suo territorio e la Regione di cui ha preso la guida, da possibile rogne e incidenti di percorso che le banche, Dio non voglia, potrebbero creare.