il Perbenista
si è rifatto
il look
Notizie flash
VIDEOTELEBLOG - IL NUOVO CANALE YOUTUBE DEDICATO ALLE INCHIESTE

FEDRIGA E GIGLI SOLIDALI A BAGNASCO CRITICANO PIZZA

L'onorevole Massimiliano Fedriga e il segretario della sezione di Udine Alessandro Ciani rendono nota la posizione della Lega Nord a seguito delle dichiarazioni dell'assessore Enrico Pizza, Pd, sul cardinale Angelo Bagnasco ( vedi immagine). "L'attacco frontale dell'esponente della giunta comunale al presidente della Cei è inammissibile nei toni e nei contenuti: chi si erge a paladino della democrazia non può permettersi uscite di stampo squadrista contro chi manifesta opinioni diverse. Ammettendo anche per assurdo il cardinale non si sia promosso a portavoce del pensiero di di milioni di persone ma abbia semplicemente espresso la sua opinione personale sulle coppie di fatto, la replica di un qualunque cittadino sotto forma di rappresaglia verbale rimarrebbe ugualmente inaccettabile. Visto che in questo caso le parole ingiuriose sono state pronunciate da un rappresentante delle istituzioni il fatto assume una gravità ancora maggiore. E nulla importa che nello specifico la Lega Nord condivide appieno i contenuti del messaggio lanciato dal presidente della Cei. Quello che conta è che un assessore comunale si sia permesso di uscire dal binario di un confronto dialettico magari animato ma comunque civile e corretto per scadere in offese gratuite ed altamente lesive della dignità di Bagnasco come persona eprima ancora che come uomo di fede. Per questo - concludono Fedriga e Ciani - chiediamo al sindaco di ritirare le deleghe al suo assessore e di prendere pubblicamente le distanze dalle sue dichiarazioni".

AGGIUNGIAMO ALLE ORE 19.10 UN COMMENTO INVIATOCI DALL'ON. GIANLUIGI GIGLI DI SCELTA CIVICA.

Se uno avesse detto a un politico o a un giornalista omosessuale la metà delle cose che Pizza ha detto al cardinale Bagnasco, sarebbe stato messo alla gogna dalle vestali del politically correct. Con una legge antiomofobia, la chiesa dovrebbe esercitare l'autocensura durante le omelie. Un Cristianesimo impaurito, ecco ciò che serve affinchè il relativismo etico possa fare Bingo!